Quale frullatore scegliere

Indipendentemente dalla stagione, che faccia caldo oppure freddo e si stia da soli, in famiglia o in compagnia di amici un frullatore in cucina può far comodo in ogni occasione. Ne abbiamo conosciuti e testati diversi ed ecco che abbiamo ritenuto utile proporre una guida in grado di informare sulle possibili caratteristiche, consigliare in merito all’uso e aiutare così nella scelta del modello che meglio si sposi con le diverse esigenze. I prezzi sono molteplici, vari gli accessori disponibili e molte le preparazioni possibili a seconda degli ingredienti che pensiamo di utilizzare. Dedichiamo, dunque, questa pagina ad alcune considerazioni riguardanti gli aspetti pratici e funzionali dei diversi prodotti e presentiamo sinteticamente le caratteristiche migliori e peggiori dei frullatori presenti in commercio.

I fattori da considerare

La maggior parte dei modelli hanno un aspetto discreto, un colore neutro (bianco o nero e con qualche finitura raramente colorata) che si adatta bene a tutte le cucine. Anche la grandezza e il peso non rappresentano quasi mai un elemento di disturbo e permettono di riporre il frullatore tranquillamente a vista sulle mensole della cucina o all’interno delle credenze … però consigliamo di evitare di rinchiuderli negli armadi “degli orrori”, quelli che riempiamo di cose e che non apriamo di frequente, perché, nonostante si usino spesso, avrete notato anche voi come sia facile che la pigrizia prenda il sopravvento o che questi elettrodomestici vengano dimenticati quando non sono a disposizione sul piano di lavoro ;).

Nel dettaglio

Il vaso frullatore solitamente è graduato e permette di dosare con precisione la quantità di ingredienti desiderata; nei modelli più cari di solito è di vetro ma più spesso troviamo usata la plastica che si trova comunemente in commercio (SAN ad esempio) e che risulta ben solida e resistente al calore. Ovviamente, soprattutto se ci troviamo in compagnia di amici, maggiore è la capienza del recipiente e minore saranno le volte che saremo costretti a cimentarci nella preparazione delle nostre bibite … è bene sapere che ce ne sono alcuni anche della capacità di 2 litri ;). Il coperchio viene sempre messo a disposizione ma risulta più comodo se dotato di un foro per l’inserimento dei liquidi durante il funzionamento, perché è facile pasticciare e che una piccola distrazione determini la fuoriuscita del preparato all’esterno. Per una maggiore garanzia di durata nel tempo riteniamo importante accertarci di avere delle lame in acciaio inox, perché fanno loro il lavoro più duro e che il corpo macchina, solitamente in polipropilene, sia ben solido e possente.

Meglio se accessoriato e potente

Un frullatore non è certo un robot da cucina ma è bene sapere che alcuni modelli offrono qualche comforts in più ad un costo leggermente superiore. Gli elementi accessori possono essere rappresentati da componenti aggiuntivi per dotare la macchina di un tritatutto o di un tritaghiaccio. Però non dimentichiamoci di considerare soprattutto il motore, perché è il fattore che denota la qualità o meno di un prodotto e rappresenta l’elemento in grado di fare davvero la differenza nel lungo periodo. Nella speranza che gli “ingranaggi” all’interno siano validi cerchiamo di concentrarci su quelli più potenti, soprattutto se abbiamo a che fare con un optional come il tritaghiaccio o se pensiamo di avere a che fare più spesso con ingredienti duri (noci e pinoli per il pesto ad esempio). I watt sono sicuramente importanti ma ci sono dei frullatori ben fatti ma modesti in quanto a potenza, che invece lavorano bene anche alla prima velocità.

Un paio di dettagli per concludere questa parte: i piedini antiscivolo permettono di ancorare la macchina al piano lavoro e, dunque, di garantirne la stabilità durante il funzionamento e il vano raccoglicavo integrato evita inutili ingombri del filo in cucina.

Il risultato ideale per grandi e piccini

Le funzioni principali di un elettrodomestico del genere sono quelle deputate alla preparazione di bevande salutari, soprattutto a base di frutta e verdura. Oltre a rappresentare un momento di relax, questo tipo di bibite stimolano l’assunzione nell’organismo di vitamine e sostanze antiossidanti. I prodotti che si acquistano nei negozi sono ricchi di additivi alimentari chimici che piccoli e grandi ingeriscono con regolarità; la soluzione fai da te è dunque l’ideale per gli adulti amanti di questi alimenti ma soprattutto per i bambini, nella fase dello svezzamento e durante la crescita, per eliminare l’ansia delle povere mamme impensierite dai capricci dei figli che il più delle volte non ne vogliono sapere di assumere cibi sani e nutrienti, fondamentali, invece, per un adeguato processo di sviluppo fisico e mentale.

Lavorare di fantasia

Le soluzioni possibili sono molteplici, infatti, a seconda della consistenza desiderata e degli ingredienti utilizzati si possono sperimentare più tipi di bevande … e non solo ;). Per godere al massimo dei possibili benefici, l’idea è quella di scegliere i prodotti sulla base della stagione di riferimento ma anche della circostanza.  Quando si è da soli o in famiglia ci si può dilettare nella preparazione di frullati, frappè, milk shakes, smoothies o granite, abbinando a frutta, verdura (e cioccolata 😉 ), anche, il latte, lo yogurt oppure il ghiaccio, giocando con miscele più liquide, morbide o maggiormente solide a seconda delle preferenze e delle  prestazioni che il modello scelto mette a disposizione; per qualcosa di più movimentato, nelle serate estive magari, l’ideale può essere invece un bel cocktail da condividere con qualche amico ;). Non dimentichiamoci che anche i pesti, le salse, le zuppe, i passati di verdura e le creme potranno rappresentare i risultati dei nostri esperimenti culinari, soprattutto se si dispone di un tritatutto o comunque, di lame adeguate.

Il migliore frullatore

Adesso, carichi di informazioni preziose, è il momento di visitare la sezione dei migliori frullatori, dove li abbiamo suddivisi a seconda di ogni esigenza più comune. Cliccate poi su “recensione” e leggetevi il nostro test: comprare informati fa risparmiare tempo e denaro!

8 commenti su “Quale frullatore scegliere

  1. buongiorno,
    quale marchio consiglia? Vorrei acquistare un frullatore che lo userò spesso, siamo in 4pp. Un frullatore x uso domestico, solido, ma non troppo caro.
    Nicky

  2. buongiorno,

    con la presente sono a chiedervi un consiglio per un frullatore da utilizzare soprattutto con frutta ghiacciata e ghiaccio.

    Vi ringrazio.

  3. Salve , chiedo consiglio perche soni davvero disperata ho bruciato piu di una decina di frullatori e tritatutto nel tempo … cerco qualcosa di veramente resistente , visto che in generale frullo anche verdure poco acquose come carote o patate , uso il frullatore per fare pesto o crema al gianduia … quindi frullare le nocciole fino al raggiungimento della consistenza oleosa in genere brucia qualsiasi motore … inoltre spesso mi e capitato di fare pane grattuggiato e anche in quei casi i tritattutto mi abbandonavano … ora nella disperazione chiedo a voi consiglio sul mio prossimo acquisto … grazie e saluti

Lascia un commento

Hai bisogno di un consiglio?*
Scrivi qui sotto, risponderemo il prima possibile!

*Il nostro sito offre un servizio informativo sugli acquisti: non risponderemo quindi a domande inerenti a problemi di assistenza tecnica o manutenzione.

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *